Dopo aver ottenuto oltre 1 miliardo di dollari di risarcimento da Samsung, ora Apple si prepara al prossimo passo della sua guerra senza quartiere contro il sistema Android e contro il concorrente coreano. La società della Mela morsicata ha infatti chiesto il blocco preventivo di otto apparecchi della famiglia Samsung Galaxy, tra smartphone e tablet, e minaccia di estendere tale richiesta a tutti i 28 apparecchi per cui la corte californiana ha decretato la violazione di brevetti da parte di Samsung. Una decisione definitiva verrà presa dalla corte il prossimo 20 settembre, ma intanto Samsung sembra disposta a vender cara la pelle. “Prenderemo tutte le misure necessarie per assicurare la presenza dei nostri prodotti nel mercato statunitense”, ha comunicato la società coreana nella serata di ieri, senza meglio specificare però cosa nel concreto potrebbe fare per contrastare le richieste legali della creatura di Steve Jobs.
Intanto Apple incassa i nuovi massimi storici giungendo a sfiorare i 676 dollari sul Nasdaq. E’ andata bene ieri anche Samsung che, dopo aver ceduto oltre il 7% nel giorno della sconfitta, ieri ha riguadagnato l’1,27% alla Borsa di Seoul. Chiusura in rosso invece per Google, che firma il sistema operativo Android bersaglio dei colpi di Apple. Le azioni del popolare motore di ricerca ieri hanno chiuso in ribasso di circa l’1,4%, mentre a festeggiare è stata Nokia, che ha guadagnato oltre sette punti e mezzo alla prospettiva di un recupero di quote di mercato, e la sua partner Microsoft, autrice del sistema operativo Windows Phone, anch’essa positiva in chiusura.