I principali indici azionari statunitensi hanno registrato ieri un andamento contrastato, con il Dow Jones Industrial in rialzo dello 0,6% mentre il Nasdaq ha accusato una flessione dello 0,3%. Lo S&P500 ha chiuso a metà strada con un rialzo dello 0,4%. Il mercato ha tratto beneficio dai risultati migliori delle attese di società quali AT&T, IBM e 3M e dall’andamento migliore delle attese delle vendite di case nuove che ha aumentato le speranze di una stabilizzazione del settore immobiliare. Il Nasdaq ha risento del quinto calo consecutivo di Apple (-2%) in attesa della pubblicazione dei conti trimestrali dopo la chiusura dei mercati.

L’andamento delle trimestrali

Il Dow Jones Industrial ha beneficiato del rialzo dello 0,7% di IBM, che pesa per il 12% all’interno dell’indice più vecchio di Wall Street. La società ha annunciato un incremento del piano di riacquisto di azioni proprie di 7 miliardi di Dollari e un rialzo del dividendo. AT&T è salita del 3,6% dopo avere battuto le attese degli analisti per i minori costi per upgradare i telefonini.

I titoli del settore immobiliare hanno beneficiato delle positive indicazioni provenienti dai dati sulle vendite di case nuove, aumentate di 328 mila nel mese di marzo. L’indice settoriale è salito del 2,4%, con dieci degli undici titoli all’interno del comparto in rialzo. D.R. Horton, il maggiore costruttore statunitense, è salito del 3,2%.

Dopo la chiusura dei mercati, Apple ha annunciato un incremento degli utili del 94%, superando ampiamente le attese di consensus, grazie al boom delle vendite sia di iPhone sia di iPad.