Dopo un inizio di seduta all’insegna del rialzo sulla scia della decisione della Fed di mantenere la previsione per tassi fermi sino alla fine del 2014 e dei buoni risultati aziendali di alcune tra le blue-chips statunitensi, i mercati asiatici sono stati oggetto delle prese di profitto nella seconda parte della seduta. Il Nikkei ha chiuso in calo dello 0,3% La borsa di Shanghai ha chiuso praticamente invariata mentre sono riuscite a chiudere in rialzo l’Hang Seng di Hong Kong (0,4%), il Kospi coreano (0,1%) e lo S&P/Asx200 australiano (0,3%).

Conti trimestrali in altalena

La stagione delle trimestrali sta entrando nel vivo anche in Asia, con PetroChina, Komatsu, Nintendo e Japan Tobacco che presenteranno oggi i propri risultati. Tra le società in primo piano oggi, Fanuc è arretrata del 6% dopo avere annunciato che il reddito operativo scenderà del 3,1% nei sei mesi fino a settembre per i rischi al ribasso sull’economia. Hitachi Chemical, però, è salita del 6,7% sulla scia della propria stima di un incremento degli utili del 37% nell’anno fiscale in corso.

Anche la borsa coreana, dopo un inizio di seduta positiva è stata colpita dalle vendite nonostante il Pil sia cresciuto nel primo trimestre dello 0,9% rispetto ai tre mesi precedenti, il tasso di espansione maggiore dell’ultimo anno. Tuttavia, è proseguito il trend al rialzo delle società che beneficiano del trend al rialzo di Apple. Samsung, ad esempio, è salita del 3,3%.