Frena ancora la crescita del prodotto interno lordo cinese. Ma il bottom potrebbe essere già stato toccato.
Questo il sunto dei commenti di numerosi analisti che stanno progressivamente tornando a guardare l’economia di Pechino con maggiore ottimismo.

Nel terzo trimestre il pil dell’ex Celeste impero è cresciuto ad un tasso annualizzato pari al +7,4%, un dato sostanzialmente in linea con le attese degli analisti. Il dato è comunque in flessione rispetto al trimestre precedente quando l’economia era cresciuta al 7,6% e si tratta comunque del dato di crescita più basso dal primo trimestre 2009.

Nella notte sono arrivati però altri dati che potrebbero favorire un cambio di umore da parte degli investitori internazionali sul Paese. La produzione industriale è infatti tornata a salire a settembre del 9,2%, un dato sensibilmente migliore delle previsioni del mercato. Bene anche il dato relativo alle vendite al dettaglio che, sempre a settembre, sono cresciute del 14,2% rispetto al +13,2% di agosto. Da sottolineare  infine anche il comparto immobiliare con gli investimenti nel settore delle costruzioni delle aree urbane che nel periodo gennaio-settembre ha evidenziato una crescita pari al 20,5%.