È proseguito anche oggi l’andamento senza spunti delle principali asiatiche. Dopo il calo di ieri per la revisione al ribasso del giudizio sulle prospettive dell’economia da parte del Governo, il Nikkei giapponese è rimbalzato dello 0,4%. Anche il Kospi coreano ha sovraperformato gli altri indici, chiudendo con un rialzo dello 0,6% grazie al rimbalzo di Samsung. Al contrario, dopo il rialzo di ieri, l’indice della borsa di Shanghai è stato colpito dalle prese di beneficio ed ha chiuso in calo dello 0,9%.

Samsung continua il rimbalzo

I mercati restano in attesa delle indicazioni sulle prospettive della politica monetaria da parte del presidente della Fed Bernanke a Jackson Hole. I dati economici pubblicati ieri in USA non hanno dato particolari spunti sullo scenario economico internazionale e anche in Asia non è stato pubblicato oggi nulla di significativo.

In Corea, Samsung, che pesa per oltre il 16% nell’indice Kospi, è avanzata del 2,9% dopo la sentenza di condanna a pagare alla Apple una multa di 1 miliardo di Dollari emessa da parte di un tribunale californiano nel fine settimana. I prodotti che sono stati esclusi dal mercato americano pesano secondo le stime degli analisti solo poco più dell’1% degli utili della società.

Tra gli altri titoli quotati sui mercati asiatici, Renesas Electronics è balzata del 35% a Tokyo per le indiscrezioni secondo cui la società di private equità statunitense KKR potrebbe rivelare il controllo della società che produce semi-conduttori per 100 miliardi di Yen entro la fine dell’anno. LG Electronic è salita del 4,4% per le attese positive degli analisti delle vendite del suo smartphone Optimus G nell’ultimo trimestre dell’anno.