Dall’inizio del 2012 le voci che riguardano l’economia sono contrastanti: da un lato troviamo le stime di decrescita globali, dall’altro le considerazioni sull’archiviazione avvenuta del periodo peggiore di tutta la crisi. Cosa credere? Un sondaggio in merito è stato svolto in America. Quello che interessa agli investitori è sapere se il peggio della crisi economica è davvero passato visto che non fa piacere a nessuno investire del denaro in titoli che non hanno alcuna prospettiva. E sembra che ci siano buone notizie per loro.

Le novità arrivano direttamente delle società di trading di bond di Wall Street che, osservando il mercato americano dei Treasury, hanno dichiarato che il peggio è passato. Il mercato in questione, valutato 10.000 miliardi di dollari, ha avuto sì il trimestre peggiore dal 2010, ma si sta riprendendo.

La società Bloomberg ha intervistato persone che lavorano alla Federal Reserve e loro hanno spiegato che nei primi mesi dell’anno ci sono state perdite dovute agli smobilizzi pari al 5,56%, ma le previsioni sul futuro restano inalterate. Non ci sarà un mercato “orso” e si continuerà nella fase “toro” che ormai va avanti da circa 30 anni.

Anche in America c’è molta attesa per un intervento di Bernake che potrebbe fare con la Fed ciò che si auspica faccia ancora Draghi in Europa.