I giovani che vogliono acquistare una casa devono sicuramente lottare per trovare un’abitazione che rispetta le loro ambizioni, ma devono poi fare una strenua ricerca per i migliori mutui in circolazione. Secondo Altroconsumo le banche boicottano le giovani coppie, ecco come. 

Altroconsumo ha fatto un’inchiesta per scoprire quanti istituti di credito che hanno aderito da oltre un anno al fondo di garanzia istituito dall’ex ministro Meloni, offrono realmente dei prodotti con tassi vantaggiosi ai giovani aspiranti mutuatari.

A quanto pare soltanto 9 agenzie sulle 71 visitate propone ai giovani precari un mutuo a tassi competitivi, attingendo al famoso fondo di garanzia, mentre gli altri dicono di non sapere nulla dell’iniziativa o, peggio, dichiarano che il loro istituto di credito non ha aderito.

In realtà trai firmatari del progetto ci sono i più grandi gruppi bancari del nostro paese tra cui Unicredit, Monte dei Paschi di Siena e Banca Popolare di Milano.

Il grosso problema, come sottolinea Altroconsumo e come spiega molto bene anche l’Espresso, è che non solo ai giovani precari non è offerto un mutuo al tasso agevolato dell’1,2% anziché il classico 4%, ma le banche chiedono anche maggiori garanzie.

Quindi tassi più alti del previsto e la necessità di acquistare con il mutuo anche un’assicurazione.

Ecco le migliori offerte di mutuo a tasso fisso, variabile e misto, secondo il portale d’intermediazione Mutuisupermarket.