Trichet è il presidente uscente della BCE e in uno degli ultimi discorsi davanti al Parlamento Europeo ha lanciato l’allarme per la crisi che interessa il Vecchio Continente, epicentro di una crisi più ampia di portata globale.Nelle ultime tre settimane la situazione economica e finanziaria dell’Eurozona è peggiorata sensibilmente e il Vecchio Continente sembra essere davvero nell’occhio del ciclone della crisi globale. L’allarme è stato dato da Jean-Claude Trichet durante un’audizione al Parlamento Europeo.

Il fatto è che la Banca Centrale, da diverso tempo ha chiesto ai governi delle risposte certe per la crisi, riforme strutturali delle economie nazionali e decisioni efficaci come quelle sulla banca Dexia.

Le risposte certe devono essere fornite in merito alla ricapitalizzazione delle banche e alla crisi del debito sovrano. I rischi di liquidità sono sicuramente in crescita, perciò può essere utile l’Efsf. Il fondo salva stati, infatti, potrebbe essere usato per ricapitalizzare gli istituti di credito.

Francia, Belgio e Lussemburgo, per esempio, hanno scelto una linea da seguire per salvare la Dexia, adesso devono passare all’azione attuando nell’immediato ciò che è stato deciso. Dal discorso di Trichet si evince la necessità di un passaggio dalla fase decisionale alla fase operativa.

Angela Merkel sostiene che gli stati dell’UE sono decisi a superare la crisi.