Alitalia ha un bisogno disperato di contanti, e così la compagnia sta raccogliendo fondi dai soci senza aspettare la scadenza del 14 novembre per la sottoscrizione dell’aumento di capitale che srve a dare un po’ di respiro all’azienda. I risultati sono stati significativi, visto che Alitalia ha già raccolto 130 milioni di euro.

52 sono arrivati da Intesa Sanpaolo e Atlantia dei Benetton (26 a testa dei rispettivamente 39,3 e 37 milioni da versare), 13 dalla Immsi di Roberto Colaninno – ne deve versare ancora 27 -, e altri 65 sono stati versati dalle banche, ovvero di nuovo Intesa San Paolo e Unicredit.- il loro apporto finale dovrà essere di 100 milioni…

Intanto Alitalia fa sapere di aver già ricevuto da Poste Italiane la lettera di garanzia – che deve essere ancora approvata dai propri organi deliberanti -, in cui si impegna con 75 milioni a coprire l’aumento di capitale sociale che andrà inoptato. Non so voi, ma io sento uno scricchiolio del tipo Titanic mentre si sta inabissando…

Adesso speriamo che facciano presto con un nuovo piano industriale, che ci dica qualcosa in più sul futuro dell’azienda.

photo credit: Dave Hamster via photopin cc