In un’intervista all’agenzia di stampa Bloomberg, il ministro spagnolo del Bilancio Cristobal Montoro ha chiesto che l’Europa corra in aiuto delle banche spagnole, mettendo a disposizione risorse per ricapitalizzarle. Per Montoro la cifra necessaria non sarebbe eccessiva e non si parla di “cifre astronomiche”. Secondo il ministro spagnolo i soldi dovrebbero arrivare dal fondo di salvataggio europeo.

Mercati chiusi per la Spagna

Montoro ha sottolineato come agli attuali costi di finanziamento i mercati siano chiusi per la Spagna. Il ministro, infatti, ha affermato che “Lo spread dice che la Spagna non ha la porta del mercato aperta e che, come Stato, abbiamo un problema di accesso ai mercati quando abbiamo bisogno di rifinanziare il debito”.

Montoro ha anche spiegato come un piano di salvataggio a favore della Spagna sia “tecnicamente impossibile”, poiché “la Spagna non ne ha bisogno”. Ha bisogno di più Europa, di più meccanismi per l’integrazione dell’Europa”. Il ministro ha concluso che né la Francia né la Germania hanno fatto pressioni su Madrid perché chieda aiuti internazionali. Una stima sulla quantità di fondi necessaria per risolvere la crisi delle banche spagnole è stata fatta dal presidente di Santander, Emilio Botin, secondo cui basterebbero 40 miliardi di euro.

Della crisi dell’eurozona, con in primo piano la salute delle banche spagnole e le imminenti elezioni in Grecia, si parlerà oggi nella riunione che i ministri finanziari del G7 terranno in teleconferenza.