Con il termine ISEE si intende l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente, necessario per richiedere quasi tutte le prestazioni sociali e le agevolazioni previste per chi versa in una situazione economica famigliare non florida. In sostanza l’ISEE consente ai contribuenti e le famiglie a basso reddito di accedere a prestazioni sociali e servizi di pubblica utilità a condizioni agevolate, o di avere una priorità più alta o ancora di pagare rette più basse presso scuole primarie e secondarie e all’università.

Modelli ISEE

A seconda dei casi va presentato un modello ISEE differente:

  • ISEE ordinario o ISEE Mini, per la generalità dei casi;
  • ISEE Minorenni, per alcuni nuclei monoparentali;
  • ISEE Università, per la richiesta di prestazioni di diritto allo studio;
  • ISEE sociosanitario, per richiedere prestazioni di natura sociale e sanitaria;
  • ISEE corrente, basato sui redditi degli ultimi dodici mesi;
  • ISEE integrativo, modello da compilare in caso di situazioni eccezionali o per integrazioni.

Prestazioni ISEE

Tra le prestazioni collegate all’ISEE troviamo:

  • esenzione dal ticket sanitario;
  • assegno per il nucleo familiare;
  • assegno di maternità (ISEE inferiore a circa 17mila euro);
  • il “Bonus bebè”, il contributo mensile di 80 euro riservato a famiglie con ISEE inferiori ai 25mila euro (il contributo raddoppia per ISEE inferiori ai 7.000 euro);
  • voucher per baby sitter;
  • asili nido ed altri servizi educativi per l’infanzia;
  • mense scolastiche;
  • prestazioni scolastiche (libri scolastici, borse di studio…);
  • agevolazioni per tasse universitarie;
  • prestazioni del diritto allo studio universitario;
  • servizi socio sanitari domiciliari;
  • servizi socio sanitari diurni, residenziali e così via;
  • agevolazioni per i servizi di pubblica utilità (luce,telefono,gas);
  • altre prestazioni economiche assistenziali;
  • esenzioni per quanto concerne le fatture di luce, acqua e gas;
  • la carta acquisti del MEF, la social card, che richiede tra gli altri requisiti anche un ISEE inferiore a circa 7mila euro;
  • il Bonus libri;
  • il Bonus affitto che consente di detrarre le spese sostenute per l’affitto dal modello 730 per un ammontare pari a 300 euro per redditi fino a 15.493,71 euro e 150 euro per i redditi compresi tra 15.493,71 e 30.987,41 euro;
  • dentista sociale 2017, un’agevolazione che spetta a chi ha un basso reddito ISEE, inferiore a 8.000 euro, a chi ha l’esenzione dal ticket sanitario e alle donne in gravidanza;
  • sconti, o addirittura l’esenzione, sul canone telefonico Telecom;
  • riduzione Canone RAI;
  • riduzione o esenzione della tassa sui rifiuti, la nuova TARI per chi ha un basso reddito (la misura dipende dalla Regione di residenza);
  • social card per disoccupati.