Le persone disabili ai sensi della legge 104 (articolo 3, comma 1) possono accedere,a fronte della propria condizione di disagio, a particolari agevolazioni, tra le quali quelle riservate all’acquisto di computer, sia fisso che portatile.

Il computer rientra infatti fra i “sussidi tecnici ed informatici” volti a facilitare l’autonomia e l’integrazione delle persone con handicap per i quali la legge prevede l’applicazione dell’IVA agevolata al 4% in luogo del 22% e della detrazione IRPEF in dichiarazione dei redditi.

Ad estendere le agevolazioni già previste per gli ausili in senso stretto, anche a prodotti di comune reperibilità che possano essere utili per l’autonomia delle persone con le disabilità definite nella Legge 104 è stato Decreto Legge 669/1996, convertito dalla Legge 30/1997.

Come per le altre agevolazioni previste dalla Legge 104/92, per accedere alle agevolazioni fiscali previste per l’acquisto di PC desktop e notebook (IVA agevolata e detrazione IRPEF) è necessario che la situazione di handicap sia certificata mediante apposita documentazione:

  • copia di un certificato attestante l’invalidità funzionale permanente rilasciato dall’Azienda USL competente; è valido sia il certificato di invalidità civile che il certificato di handicap; non è prevista la condizione della gravità.
  • specifica prescrizione autorizzativa rilasciata da un medico specialista dell’Azienda USL di residenza dalla quale risulti il collegamento funzionale fra il sussidio tecnico ed informatico e la menomazione del soggetto beneficiario dell’agevolazione. La prescrizione può essere quindi rilasciata dal settore che già si occupa della fornitura degli ausili, ma anche da altri medici dell’Azienda che seguano direttamente l’interessato. Ad esempio la prescrizione autorizzativa può essere rilasciata anche dal fisiatra di un reparto di riabilitazione, purché questo sia dipendente dall’Azienda USL.

I sussidi tecnici e informatici per i quali è possibile fruire dell’agevolazione sono:

“Le apparecchiature e i dispositivi basati su tecnologie meccaniche, elettroniche o informatiche, appositamente fabbricati o di comune reperibilità, preposti ad assistere alla riabilitazione, o a facilitare la comunicazione interpersonale, l’elaborazione scritta o grafica, il controllo dell’ambiente e l’accesso alla informazione e alla cultura in quei soggetti per i quali tali funzioni sono impedite o limitate da menomazioni di natura motoria, visiva, uditiva o del linguaggio”.