Quando si cerca un prestito spesso si sente parlare di affidabilità creditizia… Di cosa si tratta? La si può definire come un indicatore che, grazie a diversi elementi, stabilisce la capacità di chi richiede un prestito personale o un mutuo di rispettare l’impegno preso.
Chi eroga prestiti determina l’affidabilità creditizia di un soggetto durante la fase istruttoria di un finanziamento stabilendo con una serie di ricerche – che normalmente avvengono facendo ricorso ad alcune banche dati riservate, dette anche “centrali di rischio”, che contengono informazioni sulla storia creditizia del richiedente, comprese le eventuali irregolarità commesse, e richiedendo documenti come la busta paga – che servono per determinare:
a) Il grado di indebitamento di chi richiede il prestito;
b) le sue possibilità economiche e il rapporto tra redditi mensili e debiti;
c) la puntualità dimostrata nel rimborsare prestiti nel passato.
Sulla base di quanto raccolto durante la fase istruttoria verrà calcolato – quasi sempre con un software – un punteggio – il credit score – con il quale si valuta la possibilità se il richiedente sia in grado o meno di poter ripagare un prestito personale o un mutuo.
Più il punteggio è elevato maggiore sarà l’affidabilità dimostrata in passato. E ovviamente, se in passato ci sono state insolvenze con altri prestiti personali – o ritardi –, il punteggio sarà più basso e il soggetto esaminato verrà considerato meno capace di far fronte all’impegno di restituire un prestito – e quindi avrà maggiori difficoltà ad accedere al prestito personale o al mutuo richiesto.
Ovviamente bisogna ricordare sempre che non esistono dei criteri fissi per stabilire se si ha o meno diritto ad ottenere un prestito: ogni banca, una volta calcolato il credit score, decide autonomamente cosa fare.
Ricordatevi però che gli unici mezzi per incidere sul proprio credit score sono rappresentati dalla puntualità nel rimborsare prestiti e nel formulare richieste di prestito in linea con le proprie possibilità reddituali… E non fatevi fregare, non è possibile ottenere a pagamento la cancellazione dei dati negativi. Tranne nei casi di truffa o di dati inesatti.
photo credit: woodleywonderworks via photopin cc

Publiredazionale