L’Agenzia delle Entrate deve consegnare in via telematica il 730 precompilato entro il 15 aprile ai lavoratori dipendenti (e assimilati) e ai pensionati. Il contribuente potrà accedere al modello attraverso i servizi telematici delle Entrate, il proprio sostituto d’imposta  o ancora attraverso un Caf o un professionista abilitato. Ovviamente ci sarà la possibilità di scegliere: o accetto il modello del Fisco oppure produrre delle modifiche perché ha sostenuto delle detrazioni e delle deduzioni che non sono state considerate dall’Agenzia delle Entrate.

Il termine per l’invio della dichiarazione modificata sarà il 7 luglio sia per chi ricorre ai Caf che attraverso il sostituto. A partire dal 2016, nella dichiarazione dei redditi i contribuenti troveranno anche le spese mediche sostenute che danno diritto a detrazioni d’imposta. Oltre al sistema tessera sanitaria, dovranno comunicare con l’Agenzia delle Entrate anche le aziende sanitarie locali, le aziende ospedaliere, i policlinici universitari, etc. etc., i dati relativi alle prestazioni erogate nel 2015 per consentire al Fisco di completare il quadro degli sconti di cui ha diritto il contribuente.

Facile immaginare che almeno i primi anni molti dati possano essere sbagliati…

LEGGI ANCHE
730 precompilato: la svolta del fisco più semplice
Addio 730 e Unico: Dal 2015 arriva il modello precompilato
Agenzia delle Entrate: chi è Rossella Orlandi, nuovo direttore del Fisco