L’Agenzia delle Entrate ha esteso la proroga per l’invio del 730 precompilato. La possibilità di inviare la dichiarazione dei redditi entro il 23 luglio non riguarderà solo Caf e professionisti abilitati – a condizione che abbiano già trasmesso l’80% delle dichiarazioni a loro carico -, ma anche per chi ha scelto l’invio fai da te.

Lo spiega la circolare 26/E/2015 delle Entrate che precisa come “l’invio della dichiarazione 730 tramite l’applicazione web disponibile sul sito internet delle Entrate può essere effettuato entro il 23 luglio 2015, stesso termine previsto per la trasmissione da parte dei Caf e dei professionisti” – mentre il differimento per Caf e professionisti abilitati è stato previsto da un decreto del presidente del Consiglio dei ministri che è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 6 luglio.

L’allungamento dei tempi per i Caf ed i professionisti era stato più volte richiesto dai soggetti interessati per venire incontro alle problematiche di contribuenti e professionisti del settore alle prese con le novità legate al 730 precompilato. E per evitare che ci fossero un gran numero di contribuenti con rimborsi in busta paga o pensione in ritardo rispetto al mese di luglio, si è decisa la formulazione che punta ad avere non più del 20% delle dichiarazioni trasmesse nel periodo di proroga – ovvero tra l’8 ed il 23 luglio.

Quel 20% dovrà rinunciare a quello che era diventato un’abitudine per tanti italiani: l’autofinanziamento delle ferie con i crediti vantati col fisco. Quest’anno quei soldi arriveranno quando le vacanze saranno finite. L’allungamento è stato concesso anche a chi ricorre al fai da te per l’immediata disponibilità delle dichiarazioni presentate on line dai cittadini. L’Agenzia ha precisato, inoltre, che la delega per l’accesso alla dichiarazione precompilata ha validità annuale e che può essere conferita, insieme ad una copia del documento di identità del delegante, sia in formato cartaceo che in formato elettronico.