Il 730 precompilato rappresenta una grossa novità in campo fiscale. Per il contribuente sarà possibile scegliere tra una compilazione autonoma del modello – che potrà essere modificato direttamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate – oppure continuare a fare ricorso all’assistenza dei Caf Acli (o di un altro professionista a tua scelta). Per chiarire le novità introdotte con questo nuovo modello di dichiarazione dei redditi, i Caf Acli hanno creato il sito www.istruzioni730.it. Al suo interno, a partire dal mese di febbraio, i contribuenti hanno potuto avere tutte le informazioni basilari sul 730 precompilato: cos’è, quali contribuenti possono usufruire di questa dichiarazione dei redditi, dove si può trovare il modello, quali integrazioni saranno necessarie, attraverso quali canali si potrà presentare questa dichiarazione, ed altre informazioni utili.

A completamento di questa campagna informativa c’è da aggiungere che i Caf Acli danno la possibilità di chiedere chiarimenti attraverso la loro pagina ufficiale di Facebook www.facebook.com/CAF.ACLI oppure via Twitter all’indirizzo @CAFACLI aggiungendo il tag #istruzioni730. I Caf Acli hanno pensato anche ad una serie di video tutorial che compariranno sul canale YouTube www.youtube.com/user/CafAcli che hanno l’obiettivo di facilitare il lavoro dei contribuenti alle prese con il 730 precompilato e la scelta tra il fai-da-te e la compilazione assistita.

Le ragioni per non fare ricorso al fai-da-te sono diverse. La principale è che, firmando la delega per il visto di conformità, il Caf Acli si assume piena responsabilità per quanto dichiarato sul modello 730, e così si può eliminare il rischio che in futuro possa nascere un contenzioso tra utenza e l’Agenzia delle Entrate per la dichiarazione presentata.

Un altro aspetto da rilevare è che il Caf Acli ha una competenza ventennale in materia e questo può evitare molti problemi in sede di compilazione della dichiarazione dei redditi. Di per sé il modello è lo stesso degli anni passati, non è stato introdotto nessun cambiamento sul piano delle regole fiscali. L’unica differenza sta nel fatto che alcune informazioni sono già state precompilate dall’Agenzia delle Entrate, mentre altre dovranno essere integrate dal contribuente. Quindi, visto che l’integrazione fai-da-te potrebbe nascondere delle insidie, l’assistenza del Caf Acli andrebbe a rivestire un ruolo determinante nel facilitare le cose al contribuente.

Rispetto al passato, poi, bisogna anche dire che le nuove tecnologie stanno rendendo particolarmente semplice ottenere un appuntamento nelle sedi delle Acli: grazie al calendario online, si può ottenere un appuntamento semplicemente andando sul sito www.mycaf.it, oppure telefonando alla sede Caf Acli più vicina. L’utilizzo della tecnologia per migliorare il rapporto con i propri utenti si vede anche con l’app myCAF. Chi scarica questa applicazione sul proprio smartphone – ovviamente è gratuita -  potrà accedere a tutti i documenti compilati con l’assistenza dei Caf Acli.