L’Italia e anche l’Europa attraversano un momento di crisi economica che nel 2012 potrebbe trovare la sua massima espressione. Per evitare di polverizzare i risparmi, ecco qualche consiglio. Gli italiani, si sa, sono un popolo di risparmiatori. Quasi tutti, se hanno un gruzzoletto da parte, lo investono nell’acquisto di un immobile ma se dopo la prima casa ci sono ancora dei soldi da parte, allora si passa agli investimenti.

Sono proprio gli investitori quelli che in periodo di crisi temono di più per il loro portafoglio, soprattutto se si tratta del portafoglio azionario. C’è da capire infatti come si comporteranno le azioni delle aziende nel primo trimestre dell’anno e poi fino a dicembre 2012.

Gli analisti consigliano di tenere d’occhio anche i titoli di stato perché il differenziale dei titoli delle economie più deboli come il Portogallo, l’Italia e la Grecia, dovrebbe stabilizzarsi su livelli inferiori a quelli della fine dell’anno appena trascorso.

Si dovrà poi considerare che la crescita europea è rallentata e difficilmente il Pil dell’Unione arriverà al 4 per cento. Di contro ci saranno maggiori rischi per chi vuole entrare nell’euro mercato.

I piccoli risparmiatori, in genere, cercano stabilità nei rendimenti affidandosi a depositi vincolati online. L’offerta è molto vasta, il consiglio è quello di valutare bene prima della stipula del contratto, quel che realmente si riesce a guadagnare da questo tipo di azioni di risparmio.